martedì 8 maggio 2012

Bloemenbier


La prima volta che ho visto la Bloemenbier, ho pensato che i disegnini sulla carta che la avvolge fossero delle impronte di pinguino. Ed amando i pinguini me ne innamorai subito. In realtà sono tulipani, ed ha molto più senso perchè il nome di questa birra deriva dalle coltivazioni di fiori della cittadina di Lochristi, nota in tutto il Belgio per questo aspetto. Eh sì, perchè è un'altra birra belga, come saranno tante che ricorreranno in questo blog.
E' molto particolare, non molto amara, anzi potremmo dire quasi dolciastra, che può renderla adatta anche a chi non ama particolarmente le birre, nonostante la gradazione non bassissima (7%). E' una birra piacevole, dal gusto erbaceo e floreale, dal colore chiaro e torbido, ma di cui non immagino di poter bere più di una bottiglia per volta. Questa sera l'ho gustata guardando la TV (sullo sfondo vedete The Big Bang Theory), ma leggo online che si accompagna bene a stuzzichini o comunque a piatti leggeri, anche a base di pesce o carne bianca o formaggi poco stagionati... e secondo me anche con alcun dolci.
Abbinamenti che cercherò di provare alla prossima occasione!

Posta un commento