giovedì 6 settembre 2012

I miei orientali veneziani

Anche a Venezia 2012 mi sono concesso un angolo di Oriente.
Prima di tutto Kitano. L'avevo già visto a Cannes, l'ho rivisto ora, ed anche se gli ultimi film non mi hanno fatto impazzire, è sempre un piacere. Adorabile il modo in cui ha incespicato con la cuffia per la traduzione, non riuscendo a metterla. E solita ironia nella risposta sul 3D (utile solo per film erotici e porno).
Ho poi visto il film di Wakamatsu, che a differenza di quelli che avevo visto a Berlino e Cannes, non mi ha fatto impazzire: meno solido, meno potente. Per fortuna con una ambientazione piacevole, un paeselli adorabile che mi ricordava Arima Onsen, dove ho trascorso un mese e mezzo nel 1998.
Poi spostamento verso la Corea per Kim Ki-Duk, che con Pietà propone un nuovo lavoro buono, interessante, seppur non al suo meglio, con uno stile e soprattutto una visione, più grezzo, più Park Chan-Wook.
Infine un pizzico di Cina con Lotus, visto proprio oggi pomeriggio. Film interrssante per come tratteggia alcune peculiarità della figura della donna vista dai Cinesi, ma non del tutto riuscito.
Posta un commento